Top
Un posto da portare con sé - iDesignMe
fade
22233
post-template-default,single,single-post,postid-22233,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Architecture  / Un posto da portare con sé

Un posto da portare con sé

Chi ha detto che la casa sia un posto in cui tornare? Magari invece, può essere un posto da portare con sé. Di recente abbiamo parlato del rapporto tra l’architettura e il contesto, oggi vediamo il caso di un particolare edificio progettato a prescindere da qualsiasi contesto, una sorta di casa portatile, che può essere posizionata dove si vuole e spostata a proprio piacimento. Il progetto è dello studio Allergutendinge – e già il nome mette bene – un gruppo di tre giovani architetti, che non hanno nulla dell’austerità dei soliti studi a cui siamo abituati, ma no, loro come foto del gruppo di progettazione ne hanno una di loro in bilico su una struttura in legno con le cuffiette di lana e a noi piacciono anche per questo! Questo delizioso oggettino dalle mille risorse è in legno, totalmente bianco e dai volumi molto semplici. Racchiude in poco spazio niente di meno di quello che serve per vivere: una cucina, una zona letto e un affaccio panoramico per poter ammirare il paesaggio in cui si è scelto di posizionarsi.

idesignme_soul box 1

idesignme_soul box 3

(courtesy of trendhunter.com)

L’idea alla base del progetto, chiamato “Soul Box” è l’Arcadia. Questa prodigiosa “macchina per abitare”, come l’avrebbe chiamata Le Corbusier, ha il compito di portare i suoi abitanti nel loro personale paradiso. Che altro si può desiderare?

Staff
Staff
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.