Top
Eva Green ed il calendario Campari 2015 - iDesignMe
fade
20062
post-template-default,single,single-post,postid-20062,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Arts  / Eva Green ed il calendario Campari 2015

Eva Green ed il calendario Campari 2015

Come ogni anno, il colore rosso iconico del brand Campari impera nell’omonimo calendario, ma per la prima volta, non solo davanti all’obiettivo troviamo una splendida Eva Green, ma anche dietro la macchina fotografica abbiamo una donna fotografa, Julia Fullerton-Baten.

La Red Passion pervade l’interno calendario ed ogni foto è dedicata, oltre che alla bellezza, ad uno specifico cocktail, realizzato con l’alcolico rosso più famoso al mondo: partendo dal classico Negroni, attraversando l’esotico Campari Orange e molti altri, fino a giungere allo Shaken Campari di dicembre. Di ogni preparazione viene raccontata la nascita secondo la suprema arte del Mixology.

Il susseguirsi delle splendide immagini, accompagnate, da deliziosi cocktail sono l’esempio dell’ennesimo successo del rinomato calendario che anno dopo anno, affascina ed intriga con le sue 9999 copie, passando da bellezze latine come Jessica Alba e Salma Hayek ad alcune più algide come Uma Thurman e l’attuale Eva Green.

I 13 scatti sono stati realizzati in circa una settimana, in cui l’attrice è divenuta la musa non solo della Campari ma anche della fotografa che ha avuto modo di curare nei dettagli la perfezione delle composizioni aiutata dai 71, si avete letto bene, membri della crew di lavoro.

Come sempre un risultato all’altezza delle aspettative, Campari non tradisce mai!

Qualche anticipazione su quello del 2016???

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment