Top
Lichtenstein: A Retrospective - iDesignMe
fade
11319
post-template-default,single,single-post,postid-11319,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Arts  / Lichtenstein: A Retrospective

Lichtenstein: A Retrospective

Sarà in scena fino al prossimo 27 maggio alla Tate Modern di Londra Lichtenstein: A Retrospective, la retrospettiva dedicata a Roy Lichtenstein, uno dei più celebri artisti americani del ventesimo secolo. Co-organizzata assieme all’Art Institute di Chicago, la mostra raccoglie 125 tra le opere più rappresentative dell’artista, dai dipinti alle sculture.

Roy_Lichtenstein

Che mostrasse nei suoi lavori le facce di Paperino, Topolino e Bugs Bunny o che reinterpretasse i capolavori di Matisse, Monet, Cézanne, Picasso o Mondrian, Lichtenstein ha saputo imporsi prepotentemente nell’immaginario collettivo fin dalla fine degli anni Cinquanta. Ha saputo smitizzare gli stessi miti trasformando le sue “copie” in originali citazioni pop. Stanza dopo stanza la mostra paga tributo alle costanti sperimentazioni di Lichtenstein, che ha saputo distinguersi per l’utilizzo di materiali e tecniche all’avanguardia per l’epoca, dal plexiglas al rowlux (il materiale usato per la stampa lenticolare) dalle lastre d’acciaio perforato alla celebre puntinatura Benday, diventata uno dei capisaldi dell’arte del ventesimo secolo. Oltre ad opere del chiavo di Look Mickey (1961), Whaam! (1963), Drowning Girl (1963) – per le cui onde lo stesso Liechtenstein ha affermato di essersi ispirato alla Grande Onda di Kanagawa, di cui abbiamo parlato qui – e la serie Studio d’Artista (1973-74) sono anche presenti disegni ed altri lavori su carta mai esposti precedentemente.

Look_Mickey

Roy_Lichtenstein_Whaam

CRI_237355

Se avete in programma una visita alla Tate Modern e non disprezzate un tuffo nella Pop Art, ricordatevi di utilizzare l’hashtag #Lichtenstein @Tate per twittare le vostre impressioni!

Via tate.org.uk e aperitivoillustrato.it

Staff
Staff
No Comments

Post a Comment