Top
Little Manhattan by Yutaka Sone - iDesignMe
fade
13674
post-template-default,single,single-post,postid-13674,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Little Manhattan by Yutaka Sone

Little Manhattan by Yutaka Sone

Yutaka Sone è un poliedrico artista giapponese mondialmente conosciuto nel mondo dell’arte contemporanea, la sua più recente opera Little Manhattan è una scultura in marmo rappresentate l’omonima isola con un livello di dettaglio veramente impressionante. Presentata alla David Zwirner Gallery di Soho a New York ha colpito ed affascinato per l’incredibile contrasto tra la forma estremamente accurata nelle misure ed il candido marmo.

iDesignMe_Manhattan-by-Yutaka-Sone iDesignMe_Manhattan-by-Yutaka-Sone3

55cm per 265 cm di base ed 85 di altezza per un totale circa di 2500 chilogrammi di peso, la scultura è stata concepita nel 2007 e ne sono state realizzate 5 copie, infatti non sono presenti le utlimissime costruzioni. Alcuni edifici dell’isola, come l’Empire State Building sono stati aumentati di scala per renderli più visibili ed iconici esattamente come lo sono in natura.

Il bianco del marmo “sembra un materiale industriale” dice Sone stesso” ma è ancora natura” La scultura morbida e indefinita alla base, che l’artista riconosce come la parte più importante dell’opera, perchè non è possibile cambiare la forma di Manhattan ed era affascinante proporre l’estrema pienezza del lato superiore in contrasto con superfici lisce e delicate.

iDesignMe_Manhattan-by-Yutaka-Sone4 iDesignMe_Manhattan-by-Yutaka-Sone2

Ogni intersezione tra le strade di Manhattan è fedelmente riproposta nella sua versione mini, così come ogni singola via, palazzo ed isolato. La cosa che mi ha maggiormente stupito è la drastica differenza di percezione tra la realtà e la bianca opera dell’artista, Manhattan è perennemente in movimento, è incredibile il modo in cui tutto nell’opera di Sone sia stato quasi cristallizzato.

Via Fubiz

Serena
Serena

Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente... design!

No Comments

Post a Comment