Top
Benedetto Demaio, creatività Made in South
fade
22094
post-template-default,single,single-post,postid-22094,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Arts  / Photography  / Benedetto Demaio

Benedetto Demaio

Chi segue i social, non può non conoscerlo, già perché Benedetto Demaio ha riscosso un vero e proprio successo internazionale. Per i pochi che non lo conoscono, Benedetto è un instagrammer, un fotografo, un artista, un insegnante e a quanto ci è stato riferito una persona davvero inspirante. Abbiamo quindi pensato di addentrarci un po’ di più nella sua vita, facendoci raccontare il suo background, la sua storia e soprattutto ciò da cui trae ispirazione!
Gli abbiamo posto 5 semplici domande che ci facessero capire un po’ più di lui, della sua passione per i colori e di ciò che anima la sua creatività:

Sappiamo che sei calabrese, della zona di Bagnara Calabra, come ha influito sulla tua creatività la tua provenienza?
Il mio paese vive sul bordo del mare, in quel Tirreno che all’orizzonte esibisce l’arcipelago delle Eolie, con lo Stromboli sempre fumante e il sole che gli tramonta accanto. È circondato da colline aspre in una conca naturale che degrada fino alla riva, diviso in due da un piccolo promontorio dal quale si abbraccia con lo sguardo lo Stretto di Messina e la Sicilia. Le voci delle donne che vendono il pesce rimbombano di tanto in tanto per le vie e le campane chiassose si alternano ai fuochi d’artificio nelle domeniche di festa. Io sono nato e cresciuto in questa cartolina, in quegli anni in cui si giocava per strada tranquillamente e si inventavano i giochi con niente. In quel luogo magico c’è la mia famiglia, la mia casa, i miei ricordi, l’infanzia. La spiaggia era sempre lí, a far da sfondo alle mie passeggiate, ad accogliere le mie riflessioni, ad accompagnare le mie stagioni. E il mare davanti agli occhi, punto di riferimento per orientarsi nel mondo, compagno di tutti i giorni, sempre. I colori, gli odori, i sapori, i rumori, ogni cosa ha contribuito ad alimentare la mia fantasia e stimolare la mia creatività.

iDesignMe-BenedettoDemaio_9 iDesignMe-BenedettoDemaio_5

Di cosa ti occupi nella vita?
Sono un insegnante di arte e immagine, passo le mattine tra i banchi di scuola e gioco con l’arte insieme ai miei alunni. Amo disegnare da sempre e non c’è un giorno che passa senza che io abbia tracciato anche solo uno schizzo su un foglio. Dipingo, illustro libri, fotografo, progetto cover per CD, locandine, manifesti e qualunque cosa abbia a che fare con le immagini e che passa attraverso l’osservazione visiva. Sperimento, fondamentalmente mi diverto.

iDesignMe-BenedettoDemaio_3
Da dove trai ispirazione?
L’ispirazione é irrazionale ed incomprensibile, arriva senza preavviso e si manifesta esplodendo nella mente, così, senza una causa apparente. Ogni cosa è fonte di ispirazione se si è predisposti ad accoglierla. Io sono un osservatore vorace e un immagazzinatore avido, non mi stanco mai di cercare potenziali fonti per eccitare l’immaginazione e stimolare la creatività. Ho fatto tesoro di tutto ciò che nel corso degli anni ho visto: opere d’arte, dipinti, sculture, istallazioni, film, riviste, foto, spettacoli, musei, architetture, luoghi, oggetti, tutto quello che è passato attraverso i miei occhi. Qualunque cosa è un punto di partenza ed ha insito nella sua natura un mondo di possibilità creative tutte da scoprire e svelare. Osservare, memorizzare e immaginare, questo è il segreto.

Guardando il tuo profilo Instagram non si può non notare la scelta del color ottanio come base… come mai questa scelta?
Ho scelto questo colore per raccontarmi, per parlare del mio mondo e delle mie passioni. È un po’ come una firma, un segno distintivo, un frammento di DNA che mi riconduce alle mie origini, al luogo della mia infanzia, al mio mare. Ho preferito da sempre i colori freddi a quelli caldi. Ho amato il blu oltremare da bambino, ho dipinto per lungo tempo usando quasi esclusivamente il blu di Prussia, ho avuto un periodo in cui il verde Veronese dominava la mia tavolozza, poi il ciano mi ha rapito brevemente trasformandosi oggi in turchese. Tutti questi colori hanno comunque una cosa in comune, appartengono a quella gamma cromatica che è tipica del mio mare, fanno parte delle sue sfumature, sono le tonalità caratteristiche di quando è agitato che degradano dal largo alla riva, dal più scuro al più chiaro. Rappresentano in un certo senso la mia appartenenza ad un luogo che mi ha visto nascere e formare, alla mia casa.

iDesignMe-BenedettoDemaio_2

Hai qualche artista/fotografo/musicista… che apprezzi e che porti con te nel tuo percorso creativo?
Sono tanti, troppi, i pittori, i disegnatori, i fumettisti, i musicisti, gli artisti che amo e che hanno segnato e influenzato la mia formazione artistica, ma tra tutti ce ne sono alcuni che mi accompagnano quotidianamente nel mio iter creativo, presenze, direi, quasi indispensabili. Primo fra tutti Hayao Miyazaki, maestro dell’animazione giapponese, creatore di poesie disegnate e di magie per gli occhi. Senza dubbio un punto fermo del mio processo immaginativo. Poi c’è Danny Elfman, musicista statunitense, compositore di colonne sonore dall’atmosfera sognante e lievemente malinconica, sottofondo dei miei momenti creativi. In fine Michel Gondry, regista francese, inventore di un mondo onirico e visionario che mi stupisce sempre, artigiano di scenografie surreali e fonte inesauribile di meraviglie visive.

Progetti nei quali ti vedremo coinvolto?
Sicuramente continuerò a condividere i miei scatti su Instagram, ma forse è arrivato il momento di uscire un po’ dai display e fare sharing dal vivo… Magari una serie di mostre, chi lo sa? Mi piace l’estemporaneità, non ho programmi per domani!

iDesignMe-BenedettoDemaio_6

Da parte nostra non possiamo che farli un grande “in bocca al lupo” per il suo futuro e dire che sicuramente seguiremo i suoi passi, felici di parlare di esempi di creatività italiani! 

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment