Top
Numa - iDesignMe
fade
25123
post-template-default,single,single-post,postid-25123,single-format-gallery,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Cities  / Marrakech  / Numa

Numa

Sito al centro di una splendida città, di cui mi sono innamorata oramai oltre 10 anni fa, Numa è il recupero di un riad nella zona della vecchia Medina di Marrakech, fortemente voluto da Mauro e Claudia e progettato da AntiMeridian – design consultancy di Andrea Manfredi e Maria Damiano.

La struttura è classica nelle forme: una corte dove, attorno ad un grande patio-giardino nascono le 6 mini suite, divise su due livelli e arredate con mix di un gusto contemporaneo e tradizione locale, e un’ampia terrazza panoramica che sovrasta l’intera costruzione.

Il design attuale ideato dallo studio è stato realizzato da artigiani locali, mescolando forme minimal chic a un savoire faire endemico. L’esempio per eccellenza è il lampadario in dischi di ottone, disegnato da AntiMeridian design consultancy e realizzato da un artigiano, che sovrasta il corridoio che conduce al grande salone con camino, cuore simbolico della “casa” affacciato su due fantastici alberi d’arancio.

Sempre su questo livello, un elegante loggiato, dedicato principalmente alla tradizionale cerimonia del Te’, conclude l’ampio ballatoio di accesso alle camere, per poi giungere alla terrazza dove gli ospiti possono rilassarsi nel solarium e riposarsi all’ombra del gazebo. A completamento dei servizi dedicati agli ospiti, non poteva mancare il tradizionale Hammam con annessa sala massaggio.

Nell’intervenire sull’esistente, AntiMeridian, ha voluto preservare ciò che di originale era già presente in quest’antica dimora, come il disegno della moucharabia e le decorazione dei soffitti, integrando nuovi spazi e funzioni a completamento del Riad. Espressivamente si è optato per mantenere l’esterno semplice, completamente total white, con alcuni accenti black come le porte d’ingresso alle camere e la parete del camino; mentre, per gli interni, ogni stanza è stata trattata come una suite con finiture e cromie diverse, per offrire un’esperienza sempre nuova.

 

 

Serena
Serena

Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente... design!

No Comments

Post a Comment