Top
Berberè a Milano - iDesignMe
fade
24842
post-template-default,single,single-post,postid-24842,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Berberè a Milano

Berberè a Milano, sbarca nello storico Circolo Sassetti, nel cuore di uni dei quartieri della città più in evoluzione nell’ultimo periodo: Isola. Inaugurato lo scorso 3 ottobre è il quinto locale dei fratelli Matteo e Salvatore Aloe, e sorge in via Sebenico 21.

Per chi non lo conoscesse, il progetto Berberè, sorto a Bologna nell’oramai 2010, si è sviluppato con l’obiettivo di rielaborare la pizza valorizzandone l’artigianalità, mantenendo la sua anima pop senza sofisticazioni gourmet ma attraverso un lavoro di ricerca delle materie prime, di studio degli impasti, di sperimentazione delle farine e di cura sia nella preparazione e formazione dei suoi artigiani, sia dell’allestimento degli spazi in cui la pizza viene servita.

berbera-pizze-prosciutto-crudo-francesca-sara-cauli_

Berberè pizzeria è aperto tutte le sere 7 giorni su 7 dalle 19.00 alle 23.30 e a pranzo il sabato e la domenica dalle 12.30 alle 14.30. 

La pizza Berberè  caratterizzato dall’utilizzo di pasta madre viva. Il lievito madre, costantemente rinfrescato e tenuto con un ph tra 4.3 e 4.8, grazie ai lactobacilli assicura una fermentazione lattica oltre a quella alcolica. In questo modo l’impasto è più digeribile rispetto a una fermentazione con il solo lievito di birra perché due tipi di fermentazioni scompongono meglio gli zuccheri della farina, abbassando anche l’indice glicemico. Vengono utilizzate per l’impasto farine semintegrali biologiche, frutto di ricerca e sperimentazione con Alce Nero, macinate a pietra naturale, procedimento che consente di conservare all’interno fibre, vitamine idrosolubili e tutti gli oligoelementi presenti nel chicco. E per ottimizzare la digeribilità della pizza, gli chef di Berberè hanno sperimentato con successo un inedito metodo di fermentazione totalmente privo di lievito, basato sul processo fisico di idrolisi degli amidi. Per il topping si è scelta la semplicità di materie prime che rappresentano le eccellenze regionali come il Pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto, il Fiordilatte bio Querceta, le carni della Macelleria Zivieri, i capperi di Salina, l’origano selvatico di un piccolo produttore calabrese e alcuni presidi Slow Food e Libera. Non potendo fornire il locale di un forno a legna a causa della normativa vigente, ci si è nuovamente avvalsi, come durante l’esperienza ad EXPO 2015, del forno elettrico realizzato dalla Morello Forni, azienda ligure affermata negli anni come leader indiscusso per qualità e la cura dei dettagli nella costruzione dei forni professionali, capace di garantire una cottura della pizza di altissimi livelli grazie al piano cottura rotante in materiale refrattario e al rivestimento interno della camera cottura in acciaio inox.

Oltre alle pizze, che sono il cuore della proposta di Berberè pizzeria, ci sono a disposizione 6 proposte di cicchetti, o piccoli assaggi da consumare prima, dopo o durante la pizza, che prevedono l’impiego di prodotti scelti per altissima qualità come la ‘Nduja di Spilinga. Non mancano i dolci, prodotti artigianalmente e contraddistinti per semplicità e golosità. Ad accompagnare le pietanze un ruolo importante spetta alla proposta del beverage, sia per le birre tutte artigianali (una alla spina e sei in bottiglia), che per la scelta accurata di vini da agricoltura biologica e biodinamica, nati dal lavoro appassionato di piccoli viticoltori indipendenti i cui metodi di produzione si rifanno alla tradizione contadina.                                                                                                  pizza_capperifrancesca-sara-cauli
Dall’incontro fra due giovani realtà bolognesi, l’agenzia Comunicattive e lo studio Rizoma Architetture, nasce il concept architettonico e creativo site specific di Berberè pizzeria. Hanno mantenuto sia i pavimenti degli anni ’50, che gli stucchi originali del soffitto e i mosaici color beige che delineano il perimetro di alcune pareti ed è sorto il desiderio di richiamare il look dei locali storici milanesi degli anni ’50 (legno scuro, le piastrelle quadrate e il marmo), alleggeriti dal wall painting della sala principale, realizzato da Nabla&Zibe.

14524460_1380341265317357_4462162995903453047_o 14525231_1380342251983925_1902166966132471935_o

Insomma dagli interni al prodotto Berberè é un luogo che affascina e vi permette di tuffarvi in una atmosfera unica e di qualità.

Berberè pizzeria
Via Sebenico 21 – Milano
tel. 02 36707820
www.berbere.it

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment