Top
Ecohols by Jørn Beyer - iDesignMe
fade
11986
post-template-default,single,single-post,postid-11986,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Ecohols by Jørn Beyer

Ecohols by Jørn Beyer

In tempi in cui la stessa materialità delle cose sembra proiettarsi nel virtuale, e in cui le caratteristiche immateriali sembrano propendere per la maggiore, cosa cambia per le aziende e i loro obiettivi di posizionamento nelle sinapsi dei consumatori finali? Un simpatico progetto di packaging diventa il pretesto per una più profonda riflessione sulla natura e concetto di brand e sulla sua evoluzione nel tempo.

Il designer tedesco Jørn Beyer, conosciuto come Jørn, di base a Dusseldorf, ha infatti reinventato il packaging di alcuni tra i principali alcolici, chiedendosi se la propensione all’acquisto dei consumatori finali sarebbe stata alterata dalla sostituzione della familiare bottiglia di vetro che da sempre li contraddistingueva con il tetra pak. La serie risultante, chiamata ‘Ecohols’ propone tale curiosa alternativa al tradizionale packaging di tre famosi alcolici: la vodka Absolut, lo Jägermeister e il whisky Jack Daniel’s.

Cosa rimane dei brand utilizzando la nuova forma? Sarebbe sufficiente il nome impresso sul tetra pak a guidare la vostra decisione di acquisto, anche in assenza del tradizionale packaging di vetro? In altre parole, fin dove l’identità di marca è radicata nelle menti dei consumatori da permettere alle aziende di slegarsi dai vincoli del packaging senza per questo alterare l’identità e la percezione dei prodotti? Il rapporto tra componenti materiali e componenti immateriali del marketing mix è destinato a cambiare in futuro?

Il progetto di Jørn rappresenta senz’altro un ottimo punto di partenza per cercare di dare una risposta a queste e ad altre domande. Voi che ne pensate?

Via Jørn.de

Andrea
Andrea Spano
No Comments

Post a Comment