Top
Coltivando: L’orto conviviale del Politecnico di Milano - iDesignMe
fade
17534
post-template-default,single,single-post,postid-17534,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Coltivando: L’orto conviviale del Politecnico di Milano

Coltivando: L’orto conviviale del Politecnico di Milano

Coltivando è un progetto nato nell’Ottobre 2012, da una idea di due docenti del Politecnico di Milano, Dipartimento di Design, Davide Fassi e Giulia Simeone e sviluppato in collaborazione con alcuni studenti Alessandro Sachero, Sonia Zanzi, Gustavo Primavera e Paola Russo.

iDesignMe-Coltivando-Polimi-2

La voglia di coinvolgere il quartiere dove sorge la sede del Politecnico di Design, la Bovisa, ha portato all’apertura dei cancelli del campus di via Durando agli abitanti del quartiere, che brandendo zappe, cariole e tutto l’occorrente, hanno creato con il team dell’università il primo orto universitario italiano, che segue gli eccellenti esempi dell’Harvard Community Garden e la Yale Organic Farm negli Stati Uniti.

L’idea non era solo quella di creare uno spazio fisico ma anche un vero e proprio luogo di aggregazione, dove coltivare rapporti. Lo spazio che ospita la Facoltà di Desgin, una volta era la sede della storica fabbrica della Ceretti e Tanfani e già nel dopoguerra ospitava nei suoi spazi gli orti, un momento di aggregazione dei lavoratori e che è ancora oggi un ricordo vivo fra gli over 70 che abitano nella zona, e che ovviamente hanno accolto molto bene il progetto Coltivando impegnandosi in un progetto e divertendosi a scambiarsi consigli sulle coltivazioni.

iDesignMe-Coltivando-Polimi-1

Studenti, professori e abitanti supportati dal POLIMI DESIS Lab si sono uniti  per creare nuovi spazi di condivisione  e sperimentare la convivialità.  Il progetto prosegue per il meglio e soprattutto il lavoro da fare è tanto: 900 mq di terreno a disposizione e alcuni vincoli comunali hanno acceso la creatività dei giovani progettisti che hanno sviluppato dei kit di montaggio per delle box di coltivazione, in lamiera, riciclabili e assemblabili a secco.

Insomma uno spazio che ha collegato differenti persone in modo eterogeneo e che ha coinvolto quartiere ed università! Ci aspettiamo proceda e coinvolga anche altre facoltà ed altre città.. insomma come diciamo sempre Creativity Takes Courage, no?

Serena
Serena

Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente... design!

No Comments

Post a Comment