Top
EcoOffice - iDesignMe
fade
979
post-template-default,single,single-post,postid-979,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Architecture  / Architects  / EcoOffice

EcoOffice

La qualità del posto di lavoro è fondamentale per la qualità della vita, non solo per fattori legati allo socialità e quindi ai rapporti personali che vi ci si instaurano, ma anche, e soprattutto, almeno per quanto mi riguarda, per fattori di vivibilità ambientale.
Cattiva ergonomia, non tenere conto delle necessità di chi lavora, privazione del verde negli interni, colori troppo denaturati e spazi angusti sono alcune delle cause, almeno secondo alcuni studi, di scarsa produttività. Questo non lo so, ma sicuramente lavorare o studiare in uno spazio in cui non ci si può sentire a proprio agio, influenza chi vi lavora..


Porto, per sottolineare la questione un esempio, secondo me splendido, di qualità della vivibilità degli spazi lavorativi: la sede di Pons and Hout a Parigi.

L’esplicitazione del concetto di portare l’esterno negli interni è il tema fondamentale, il vero hotspot di questo progetto di Christian Pot Caster.

Le scrivanie non sono semplici oggetti inseriti, ma un livello unico in cui si creano le postazioni, contornate da alberi veri inseriti nella superficie, sembra che i veri intrusi siano i computer, non le piante.

Bolle di vetro attorno alle postazioni che necessitano di protezione acustica, che però non intaccano la naturalezza degli spazi e si integrano perfettamente sia con gli specchi posti in orizzontale sulla superficie, quasi come del laghi integrati nel panorama, e con il soffitto in vetro, che permette di vedere il cielo ed il sole.

EcoOffice

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment