Top
Urban farming in Tokyo - iDesignMe
fade
16231
post-template-default,single,single-post,postid-16231,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Urban farming in Tokyo

Urban farming in Tokyo

Le sedi di una aziende molto spesso non hanno una grande reputazione: muri grigi, frustrazione e poca vivacità, insomma non tutte le sedi sono come quella di Evernote o di Google, ma in questo caso, una azienda di Tokyo, con sede precisamente nel distretto finanziario, ha richiesto all’architetto Yoshimi Kono, di modificare la propria sede rendendola green non solo da un punto di vita del verde ma anche un ambiente più rilassato e più vivibile dove la natura si integra con gli spazi lavorativi.

iDesignMe-Urban farming-7

Il risultato è la perfetta integrazione tra un edificio aziendale ed una fattoria: gli spazi coltivabili dell’edificio occupano circa il 20% della superficie globale e tra le specie coltivate ci sono tipi di frutta, verdura e riso. Gli impiegati aiutano, a turno, a coltivare gli spazi e raccogliere il cibo, che in buona parte viene loro servito durante i pasti alla caffetteria.

Oltre ad un impatto ottimale per gli impiegati ed il loro stile di vita generale, questo progetto contribuisce a risparmiare sull’acquisto ed il trasporto del cibo da servire alla mensa. E’ inoltre innegabile che sull’umore del personale abbia influito in modo positivo. Le piante di pomodori sospese sul tavolo della sala conferenze, i limoni ed il frutto della passione usati per suddividerere gli spazi.. tutto diventa colorato ed accogliente immediatamente.

Via www.spoon-tamago.com

Serena
Serena

Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente... design!

Post a Comment