Top
28 Posti a Milano - iDesignMe
fade
14506
post-template-default,single,single-post,postid-14506,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Design  / Interior  / 28 Posti a Milano

28 Posti a Milano

28 Posti,  ristorante inaugurato il 6 aprile a Milano, si trova in una via tranquilla dei Navigli e come si può facilmente evincere dal nome ha solo 28 coperti, è un progetto nuovo, fresco ed ambizioso, partito con solide basi, infatti nella ristrutturazione di quello che era lo spazio dello storico Karaoke CantaMilano, è stato riportato il locale allo stato originario e si è lavorato solamente con materiali di recupero.

iDesignMe_FRomano28posti011

Inoltre i lavori edili di ristrutturazione sono stati eseguiti dai detenuti dell’Istituto Penitenziario di Bollate, che beneficiando dell’Art. 21 hanno preso parte al cantiere tramite il loro laboratorio di falegnameria. In seguito a quest’importante esperienza, il ristorante continuerà a dedicarsi con impegno alla reintegrazione professionale di categorie svantaggiate.

La vera anima del progetto è senza dubbio la cucina, a cui gli ospiti potranno accedere tramite il rapido passaggio obbligatorio all’ingresso e visibile anche dall’esterno del locale.

iDesignMe_FRomano28posti006 iDesignMe_FRomano28posti004

 

Gli interni hanno tonalità naturali decisamente rilassanti, i legni chiari e grezzi, il grigio del cemento e del pavimento ed il bianco dei muri si mescolano creando un ambiente pieno di stile e dettagli interessanti, esaltato ancora di più dalla presenza di arredi vintage e dai piccoli tocchi di colore delle lampade di Alvaro Catalàn de Ocòn e delle bottiglie esposte. Anche le lampade qui utilizzate sono frutto di un progetto di cooperazione allo sviluppo realizzato con gli artigiani indigeni,di  Bogotà, che rielaborano le bottiglie di plastica con tecniche tessili.

iDesignMe_FRomano28posti003 iDesignMe_FRomano28posti014

Per ora ve ne abbiamo parlato solo dal punto di vista del design, ma a giudicare dal menu pubblicato sul sito anche il cibo deve essere estremamente buono, ma quello ve lo racconteremo magari un’altra volta!

 

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment