Top
Quando la chiesa diventa un hotel - iDesignMe
fade
19542
post-template-default,single,single-post,postid-19542,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Quando la chiesa diventa un hotel

Quando la chiesa diventa un hotel

Un monastero immerso nel verde nella città di Fontevraud che cambia destinazione d’uso ma soprattutto si rifà il look grazie a due architetti, Patrick Jouin e Sanjit Manku, ed a scelte in fattore di materiali incredibili.

iDesignMe-Abbey-hotel-architecture

Jouin e Manku hanno aggiornato gli interni dell’hotel (nato nel 1980 circa) e del ristorante utilizzando una serie di materiali e colori decisamente classici ma moderni, indice di eleganza e grande stile. Le cromie naturali contribuiscono alla generazione di un abbiente fresco, rilassante. I grandi mobili in legno, così come i lampadari, accostati ai grigi quasi industrial, rendono lo spazio non solo confortevole ma estremamente accogliente.

iDesignMe-Abbey-hotel-dining room iDesignMe-Abbey-hotel-interior

E’ incredibile come una architettura appartenente al MedioEvo sia perfettamente in armonia se arredata con elementi moderni e minimali. Gli interni sembrano un susseguirsi di sculture, che arricchiscono l’ambiente e ne incrementano la teatralità.

iDesignMe-Abbey-hotel-room interior iDesignMe-Abbey-hotel-room

Le camere minimali, con due semplici tocchi di colore: il sostegno della scrivania e la base dello sgabello in nero ed l’ocra delle sedute rendono l’ambiente ancora più moderno e gli danno un tocco di solarità. Tutti gli arredi sono progettati specificamente per questo hotel. Particolare attenzione è stata prestata all’acustica delle stanze, rivestendo la partizione tra le camere con legno e dei pannelli di tessuto che sono fonoassorbenti.

iDesignMe-Abbey-hotel-interiors

 

Via

Serena
Serena

Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente... design!

No Comments

Post a Comment