Top
La vittoria di Slide design su Linea Light S.r.l. - iDesignMe
fade
10074
post-template-default,single,single-post,postid-10074,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

La vittoria di Slide design su Linea Light S.r.l.

La vittoria di Slide design su Linea Light S.r.l.

Purtroppo i casi di contraffazione di prodotti, soprattutto di design, non ha mai fine. Speculare sulle novità e sulle idee degli altri è spesso  la strada più semplice da percorrere per lanciare sul mercato prodotti di successo. Proprio per questo, bisogna dare rilevanza a quei casi in cui viene fatta giustizia.

slide-chubby-low-marcel-wander-pouf

Così è stato per SLIDE S.r.l., nota azienda specializzata nella produzione di arredi di light design, la quale ha avviato nel 2009 una causa contro la società LINEA LIGHT S.r.l., accusata di:

– aver contraffatto la lampada “Chubby Low”, attraverso la produzione e commercializzazione di una lampada denominata “Carbonio”;

chubby low - slide design

– aver integrato l’illecito di concorrenza parassitaria ex art. 2598 n. 3 c.c., attraverso la commercializzazione di una serie di lampade identiche a quelle prodotte da SLIDE, della linea “Geolinee Minimal Light Pot”, rappresentate da forme geometriche quali la sfera, il cubo, il cilindro, il tronco di piramide rovesciato, del vaso rotondo e del parallelepipedo.


lampada cubo - slide design

A distanza di anni, il 29 dicembre 2011, il Trib. di Milano ha finalmente pronunciato la sua sentenza, condannando la società LINEA LIGHT, innanzi tutto, al ritiro dal mercato della lampada Carbonio ed al risarcimento dei danni in favore di SLIDE per un ammontare pari a 210.000€ oltre agli interessi legali, ed ha, inoltre, disposto la pubblicazione, a spese della soccombente, della sentenza stessa sul periodico Interni.

slide-chubby-low-marcel-wander-pouf-2

In questo caso, giustizia è stata fatta, non ci resta che sperare che i nostri giudici sviluppino una sensibilità sempre più acuta per casi di questo genere.

Carmen
Carmen Barilà

Carmen Barilà laureata alla facoltà di giurisprudenza dell’università Bocconi.

No Comments

Post a Comment