Top
Società a responsabilità limitata semplificata | iDesignMe
fade
4394
post-template-default,single,single-post,postid-4394,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Società a responsabilità limitata semplificata

Società a responsabilità limitata semplificata

Nuove soluzioni per i giovani che vogliono intraprendere una carriera imprenditoriale si sono aperte grazie al decreto legge sulle liberalizzazioni introdotto dal governo Monti.

Tale decreto ha introdotto nel nostro codice civile l’articolo 2463-bis, intitolato proprio “Società a responsabilità limitata semplificata”, che offrirebbe a tutti i giovani con età inferiore ai 35 anni l’opportunità di avviare una società con un capitale sociale minimo di 1€ e massimo di 10.000€.


Nell’articolo è espressamente stabilito che tutti i soci devono possedere un’età non superiore ai 35 anni e che nel momento in cui anche uno solo di essi supera tale limite si aprono due alternative: il soggetto che non possiede più i requisiti richiesti viene escluso dalla società o questa è costretta a trasformarsi in una normale Srl, con la conseguente applicazione della relativa disciplina, anche in tema di capitale sociale.

È inoltre espressamente previsto che l’atto costitutivo e l’iscrizione nel registro delle imprese sono esenti da diritto di bollo e di segreteria e non sono dovuti onorari notarili, per cui stando alla lettera della norma non dovrebbero esserci costi aggiuntivi oltre al versamento delle quote di capitale sociale.

Ma attenzione, giovani imprenditori desiderosi di emergere, perché non è tutto oro quel che luccica! Certo, l’idea di poter avviare una propria società al solo costo di un euro capisco sia allettante, ma bisogna considerare anche l’effettiva messa in pratica del proprio progetto imprenditoriale, considerando i costi di avviamento e di gestione che un’impresa necessariamente pone dinanzi.

In ogni caso, va sicuramente riconosciuto, che quello di cui stiamo parlando è un grande passo positivo verso i giovani, ma bisogna sempre tener ben saldi i piedi per terra e pensare concretamente alla realizzabilità del proprio progetto, che potrebbe anche richiedere l’accesso al credito, che non si mostra poi così fiducioso verso i giovani.

Carmen
Carmen Barilà

Carmen Barilà laureata alla facoltà di giurisprudenza dell’università Bocconi.

No Comments

Post a Comment