Top
Liquid Glacial Table by Zaha Hadid
fade
1940
post-template-default,single,single-post,postid-1940,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Liquid Glacial Table by Zaha Hadid

Liquid Glacial Table by Zaha Hadid

Come di consueto, mi trovo a scrivere di lei, nulla da fare, giro per internet per capire cosa mi possa piacere, qualcosa di cui scrivere e prima o poi finisco nella sua rete.. Ma secondo voi può un tavolo divenire ammaliante? Beh se progettato da Zaha Hadid o dal suo entourage si! In questo caso l’artefice del capolavoro è Patrick Schumacher.


Un tavolo di plexiglas che sembra una formazione naturale di ghiaccio. Il ghiaccio sembra liquefarsi quando invece si vedono le gambe, simili a delle stalattiti che scendono dalla superficie piana. Il materiale trasparente amplifica la percezione dell’immateriale trasformando il tavolo in un oggetto con una presenza strutturata, seppur evanescente.

Il design particolare non compromette né l’ergonomia né la funzionalità ed è assolutamente coerente con tutti i progetti provenienti dalle mani degli architetti dello studio Zaha Hadid Architect in cui la fluidità regna incontrastata.

Via

Serena
Serena

Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente... design!

Post a Comment