Top
Fashion Week Spring 2014 II - iDesignMe
fade
16370
post-template-default,single,single-post,postid-16370,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Eventi  / Eventi Milano  / Fashion Week Spring 2014 II

Fashion Week Spring 2014 II

“Voglio che i miei abiti raccontino della forza delle donne, della loro combattività (…) Non si fa la rivoluzione con un abito: questo lo so bene. Però il vestire può, deve diventare un atteggiamento mentale”. Con questa frase vogliamo accogliervi al secondo giorno della Fashion Week milanese:

Così Miuccia Prada spiega la sua nuova collezione, dal gusto sportivo e colorato: sui capi spiccano murales disegnati da quattro writer e tre illustratori che hanno anche dipinto la sala dedicata alla sfilata. Elementi street e sportivi (calzettoni sportivi ricamati con finti smeraldi) accompagnati a borse più signorili. Il reggiseno, simbolo della donna, è tempestato di diamanti, indossato sopra i capi o disegnato anche sui capospalla. I visoni colorati ricordano le opere di Basquiat.  In sottofondo si ascolta Britney Spears cantare, come un chiaro messaggio: “Work Bitch”.

Sportmax apre la sua sfilata con il capo simbolo della azienda: il cappotto. Scamosciato, double-face marrone e nero di grande impatto visivo. Ma questa volta Sportmax opta per una primavera leggera e leggiadra, puntando molto sui dress: di seta, con pois, drappeggiati da grandi cerchi trasparenti e quadrati di tessuto. Tuniche con scollo a V sono abbinate ad ampie gonne sopra il ginocchio. Look sofisticati per una donna forte.

Karl Lagerfeld per Fendi porta in passerella la donna con i capelli corti, neri e la frangetta, prendendo ispirazione dal mondo del digitale e dell’informatica. Interessante è la scelta dei tessuti, soprattutto la sovrabbondanza di organza colorata (tessuto tanto amato dal direttore artistico) combinata col pelo e lavorato in maniera tale da sembrare leggerissimo. La scelta dei colori e la stratificazione dell’organza creano lucentezza e danno sensazione di estrema leggerezza. La collezione colorata, leggera, apparentemente fredda, ha sfilato  su una soundtrack elettronica.

Staff
Staff
No Comments

Post a Comment