Top
Kartell loves Expo
fade
21320
post-template-default,single,single-post,postid-21320,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Expo 2015  / Kartell loves Expo

Kartell loves Expo

“Expo Milano 2015 è la grande opportunità che dobbiamo saper cogliere tutti, insieme, per far ripartire il motore industriale di Milano e del nostro paese. Nutrire il pianeta, energia per la vita è un tema stimolante sul quale lavorare con diverse declinazioni. Pensiamo anche al concetto di “nutrire la mente” del pianeta, creare cultura e sviluppare il senso del bello e ben fatto con l’energia creativa che è propria del nostro sistema produttivo”.

Con questa frase Claudio Luti, Presidente di Kartell e Ambassador per Expo2015, sancisce l’impegno  e l’interesse che il brand ha nei confronti di questa manifestazione, di importanza fondamentale non solo per Milano ma per l’Italia intera.
Kartell ha quindi programmato un palinsesto di attività che durerà tutto il periodo per interpretare il tema di Expo Milano 2015 ovvero Nutrire il pianeta, Energia per la vita.

Kartell for Expo si concentra su concetto di “Energia per la vita”, che interpretato dal punto di vista del design può significare energia creativa, energia del colore, energia che viene utilizzata per creare sempre nuovi progetti e prodotti capaci di alimentare la cultura del bello. Energia per la mente.

Martedì 12 Maggio, sarò presente presso lo Store di Via Turati per il racconto dal vivo di una serie di iniziative realizzate dal brand per Expo.

iDesignMe-Kartell-Expo2015

Partendo dal concetto di innovazione, Kartell rinnova il suo Museo di Noviglio riprogettato con percorsi narrativi della storia e dei prodotti Kartell, facendo emergere i punti strategici che hanno segnato le diverse tappe del crescente sviluppo del marchio.
Per visitarlo sarà previsto un servizio shuttle da Milano al Museo Kartell con cadenza settimanale e previa prenotazione.

Almeno due volte al mese il Museo Kartell si inserirà dunque nel programma di eventi di Musei d’Impresa ospitando eventi, workshop, mostre tematiche e incontri con i designer.
“Mi fa piacere riaprire il museo rinnovato a 15 anni dalla sua nascita – sottolinea Claudio Luti. Credo sia fondamentale lavorare sulla conservazione e valorizzazione della memoria storica. Il museo è per Kartell un patrimonio inestimabile, custodisce non solo oggetti che hanno attraversato la storia e rivoluzionato in ogni epoca il rapporto tra funzione e estetica, ma ha in questi anni svolto un’importante ruolo di archiviazione e catalogazione che trasferisce così ogni piccolo, pezzo di storia.”

All’interno della città di Milano, Kartell ha sottoscritto una partnership con il Comune di Milano, Assessorato alla Cultura mettendo a disposizione di Palazzo Reale un progetto di arredi che andranno a completare i percorsi allestitivi di alcune tra le più importanti mostre in calendario a partire dalla grande mostra di primavera dedicata a Leonardo che inaugura il 15 aprile 2015 per proseguire fino alla mostra di Giotto. Inoltre, per arredare la Sala delle Cariatidi e la Sala delle Otto Colonne l’intervento di Kartell prevede anche la fornitura di sedute e tavoli che rimarranno di proprietà e in uso di Palazzo Reale in forma permanente.

Gli ambienti storici di Palazzo Reale ospitano così la trasparenza di Kartell, che rappresenta il simbolo della produzione dell’azienda e che ben si armonizza con ogni tipo di identità artistica, valorizzando la rappresentazione delle opere, senza essere mai invasiva.

Ambasciatore della filosofia Kartell, il Flagship Store Kartell accoglierà un allestimento speciale e letteralmente plateale per tutti i sei mesi di Expo. Grandi protagoniste della scenografia saranno le dieci vetrine, pensate come spettacolari sipari, disegnati con ironiche vetrofanie in velluto rosso. Ogni sipario si aprirà su un protagonista/icona della città di Milano, ovviamente reinterpretato e abbinato in modo originale ai prodotti Kartell.
Ecco che una vetrina si apre sul Duomo di Milano, un’altra sul palcoscenico della Scala ipoteticamente arredato con tante Louis Ghost trasparenti, due ampie vetrine ambientano una tavolata imbandita con le nuove collezioni Kartell in Tavola avendo come sfondo l’Ultima Cena di Leonardo, un’altra vetrina rappresenta il Quadrilatero della moda per presentare la poltroncina Madame di P. Starck in limited edition, rivestita con tessuto Emilio Pucci Cities of the World ovviamente con la nuova stampa dedicata a Milano. Dulcis in fundo…non può che mancare l’immagine del panettone, tipico dolce meneghino. Il Flagship Store ospiterà inoltre installazioni speciali e suggestive che potranno attrarre l’attenzione dei visitatori internazionali. Si tratta in definitiva di un omaggio a Milano e alle sue eccellenze animando le vetrine seguendo macro-temi quali moda, design, food, arte.

Durante i sei mesi dell’esposizione Kartell organizza inoltre un programma articolato di eventi in Via Turati e al Museo dedicando ciascun mese a un tema partendo dalla tavola a maggio, per proseguire con il fashion & beauty a giugno, design a luglio, innovazione a settembre e ancora design a ottobre con un grande evento al Museo.

Expo è anche occasione per creare spazi di riflessione e compiere gesti di solidarietà che ruotano intorno al tema del cibo e della convivialità. Per questo Kartell ha subito accettato l’invito del regista Davide Rampello e dello chef Massimo Bottura ad aderire al progetto Refettorio Ambrosiano per la Caritas che consentirà di servire pasti ai meno abbienti della città. Il refettorio sarà un luogo bello e speciale ricavato in un ex teatro degli anni ’30 ristrutturato per l’occasione dal Politecnico di Milano e gli ambienti saranno impreziositi da opere d’arte create per l’occasione da alcuni dei principali artisti contemporanei. Nel grande salone centrale le sedie icona Louis Ghost saranno abbinate a 12 grandi tavoli realizzati dai più importanti designer italiani.

Kartell Official Suppliers di Expo Milano 2015 ha realizzato nell’ambito del piano outdoor una delle aree denominate hortus, dove i visitatori potranno sostare per qualche momento di relax . Tavoli Top Top e sedie Lizz e Ami Ami si armonizzeranno al verde dell’area collocata in un corrispondenza dell’incrocio tra il Decumano e il Cardo che conduce a Piazza Italia. Oltre alle molte installazioni all’interno dei singoli Padiglioni dei Paesi Partecipanti che hanno scelto gli arredi Kartell, l’azienda impegnata in due importanti progetti.

Da sempre partner di Eataly nella fornitura delle sedute per tutti gli store del mondo, a partire dal primo a New York, Kartell ha studiato prodotti e layout esclusivi anche per il grande spazio Eataly all’interno del sito di Expo Milano 2015. 8000 mq di gusto e prodotti che raccontano le specificità del cibo italiano.
Sviluppando il concetto di “Nutrire il pianeta con la cultura dello stare a tavola e sulla tavola”, Kartell ha così progettato con il suo art director, l’architetto Ferruccio Laviani, arredi e prodotti speciali per sei ambienti diversi, all’interno e all’esterno dello spazio Eataly, e per l’ampia zona lounge in prossimità della galleria d’arte, per la quale sono stati selezionati i divani Plastics nella vivace tonalità arancio. I tavoli TopTop, design Philippe Starck, saranno declinati in otto diversi piani con texture speciali in limited edition. Le sedie saranno invece le Victoria Ghost e le Masters, entrambe icone del marchio. Tre i mood su cui Kartell ha lavorato per rappresentare al meglio il gusto del cibo made in Italy con altrettante stanze tematiche: stanza “K loves Italy: Roma’50” con tavoli quadrati caratterizzati da superfici dal sapore vintage, stampati con un’immagine che ci riporta all’Italia degli anni ’50 della Dolce Vita, unita al design contemporaneo di Masters, seduta bestseller del brand. “K loves Italy: Capri” è il secondo mood, che per la texture dei piani riproduce le maioliche simbolo della ceramica italiana più raffinata, abbinato alla trasparenza dell’iconica seduta Victoria Ghost, design Philippe Starck. Il terzo mood, “K loves Italy: Montebianco”, ripreso dai primi progetti firmati per Eataly, consiste nell’abbinamento di legno e bianco con il tocco di luce scintillante delle lampade Bloom. Kartell arreda inoltre anche il suggestivo giardino con i divani Uncle Jack, ultima sfida tecnologica del brand, e il mood “K loves Italy: Capri”, ispirato all’inconfondibile atmosfera dell’isola partenopea.Infine all’interno dello spazio Eataly Kartell ha arredato la lounge Ferrari con prodotti customizzati in linea con la corporate identity della casa vinicola, in look total black, e con prodotti icona come la poltrona Joe Colombo degli anni ’60 e alcuni fra i principali bestseller.

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment