Top
Bjork, la swedish brasserie di Porta Venezia - iDesignMe
fade
20152
post-template-default,single,single-post,postid-20152,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Food  / Bjork, la swedish brasserie di Porta Venezia

Bjork, la swedish brasserie di Porta Venezia

Bjork è il nuovo punto d’attrazione di una Porta Venezia in piena evoluzione. Dal cibo all’atmosfera, passando per il design tutto è assolutamente misurato, elegante, creativo e tradizionale al tempo stesso. La Milano in attesa dell’Expo può decisamente considerare questo locale, riaperto di recente in Via Castaldi 20, una avamposto nordico nella capitale della moda.

Lo stile dello spazio richiama ovviamente le classiche atmosfere nordiche esaltando quel calore tipico del Nord Europa misto ad un gusto elegante, ricco di personalità ed allo stesso tempo contemporaneo. Varcando la soglia ci si tuffa in un paesaggio fatto di piccoli “fusti” di legno che creano una sorta di bosco, tramite il quale si approda al bancone, che contiene una quantità incredibile di delizie di ogni genere dove salmone e gamberi la fanno da padrone.


Gli ulteriori spazi di Bjork sono fluidi, convergono uno nell’altro con grande naturalezza. Nel primo, abbiamo in mostra su delle scaffalature minimal, una vastissima serie di prodotti svedesi. Le scelte in materia di design degli interni sono raffinate ed intriganti, con piccoli tocchi di colori che ne risaltano l’atmosfera rilassata.

L’elemento di spicco è decisamente il cibo, prodotti di qualità, presentati in maniera elegante e ricercata, senza scadere nell’ovvio. Noi abbiamo optato per una birra norvegese, decisamente ricca e corposa alla quale abbiamo abbinato tre deliziosi piatti: un filetto di cervo con contorno di zucca, delle polpettine con purée, cetrioli e mirtilli rossi ed un merluzzo su crema di topinambour e zenzero con mele a dadini.. insomma il paradiso delle papille gustative, condito con una grande eleganza, di tutto lo staff. Dettaglio assai raro sul suolo milanese! In definitiva.. un salto in Svezia, anche se rimanendo in zona, ve lo consiglio proprio!

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment