Top
Chocolatetexture di Nendo
fade
20461
post-template-default,single,single-post,postid-20461,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
iDesignMe / Food  / Chocolatetexture di Nendo

Chocolatetexture di Nendo

Anche questa volta ci ha lasciato a bocca aperta, Chocolatetexture di Nendo, ha letteralmente ammaliato Maison et Objet 2015! Il cioccolato viene lavorato in 9 modi differenti e presentato in cubi di 26 mm, ciascuno con la sua struttura peculiare e di una perfezione disarmante. Molti fattori influenzano il gusto del cioccolato e a parità di composizione, anche la struttura.
L’architetto Oki Sato, alla guida di Nendo (studio di design con sedi a Milano e Tokio), sarà l’ospite d’onore alla ventesima edizione di Maison & Objet in qualità di Designer of the Year 2015.

iDesignMe-Nendo-chocolatexture_akihiro_yoshida-1 iDesignMe-Nendo-chocolatexture_akihiro_yoshida-2 iDesignMe-Nendo-chocolatexture_akihiro_yoshida-4

Ogni cubo di cioccolato ha un nome giapponese che richiama la tipologia di struttura.

1. “tubu-tubu” Composto di piccole gocce di cioccolato.
2. “sube-sube” Un cubo dagli angoli tondi.
3. “zara-zara” Una struttura reticolare.
4. “toge-toge” Che presenta delle punte.
5. “goro-goro” Quattordici cubi connessi tra loro.
6. “fuwa-fuwa” Una struttura ariosa.
7. “poki-poki” Un cubo realizzato con fasce di cioccolato.
8. “suka-suka” Una struttura cava con pareti sottili.
9. “zaku-zaku” Fasce alternate di cioccolato.

Serena
Serena

<p>Grammar nazi diplomata al liceo classico, laureata in interior design ed appassionata di food, web ed ovviamente… design!</p>

No Comments

Post a Comment